English

  |  

Italiano

3.09.2007

indietro

Lavinia Stiz, il primo bocciolo...

Quattro chiacchiere con la ragazza ticinese a bordo di Blu Moon

Non è stagione di rose, ma i primi boccioli cominciano a fiorire. Di cosa parliamo? Parliamo di Lavinia Stiz e del Lugano Yacht Club che da pochi anni si è affacciato con successo nel mondo della vela ticinese, svizzera ed internazionale ma che comincia già a dare i primi risultati. Il Lugano Yacht Club, come probabilmente i più sapranno già, è nato dall’idea di Franco Rossini, imprenditore ticinese amante della vela e già campione del mondo nella classe Melges 24. L’idea alla base di questo progetto (sempre più concreto) è di aiutare i giovani ticinesi ad avvicinarsi a questo sport e di dare loro l’opportunità di raggiungere importanti risultati sportivi.
Lavinia Stiz è la prima giovane ticinese che, grazie all’attività del Lugano Yacht Club, riesce a conquistare un’importante successo sportivo. Imbarcata su Blu Moon, il Melges 24 portacolori del Lugano Yacht Club, Lavinia ha appena conquistato un titolo continentale nelle fredde acque del Mar Baltico.
Cerchiamo ora di conoscere meglio questa giovane velista ticinese.

D: Quando hai cominciato ad andare in barca e come sei arrivata a bordo di Blu Moon?
R: Ho cominciato a fare vela con gli Optimist, dai 10 ai 15 anni ho partecipato per la Svizzera a due campionati mondiali, nel 1998 a Lisbona e nel 2000 a La Coruña. Nel 1999 ho partecipato ad un campionato europeo svoltosi ad Atene. Tra i 15 ed i 20 anni mi sono dedicata al 420 sul lago di Garda; nel 2004 ho vinto un campionato svizzero ed ho partecipato ad un campionato mondiale in Australia a Melbourne. Nel 2003 e nel 2004 ho partecipato ai campionati italiani classificandomi undicesima assoluta e sesta assoluta nel 2004.
Da un anno ho cominciato ad andare con i Melges24 con un equipaggio 100% Corinthian (non professionisti ndr.) del lago di Garda, abbiamo fatto poche regate ma belle e divertenti. A luglio ho partecipato con il mio vecchio equipaggio alla Volvo Cup di Torbole dove ho rivisto Franco Rossini che già conoscevo e che avevo di recente incontrato a Lugano in occasione dell’RC44 Lugano Yacht Club Cup. Mentre ci trovavamo a Torbole ci succedeva spesso di trovarci la sera e di discutere della giornata e delle regate. Dopo Torbole sono partita per Valencia (dove l’anno prossimo mi trasferirò per motivi di studio); una mattina ho ricevuto la chiamata di Franco, che mi chiedeva se ero disponibile a partecipare con il suo super equipaggio al campionato europeo... non ho saputo resistere!

D: Quali sono i tuoi compiti in barca?
R: Principalmente i miei compiti sono pochi ma essenziali: pesare poco, aiutare nelle manovre, ai giri di boa e nella conduzione della barca con i pesi. Per il resto del tempo devo sparire dalla vista e dare il meno fastidio possibile a Flavio (Flavio Favini già timoniere di Mascalzone Latino ndr.) che deve portare la barca al meglio. Devo essere una piccola ombra che fa e non si fa vedere.

D: Come ci si sente a regatare assieme a campioni quali Flavio Favini e Tiziano Nava?
R: A volte mi sentivo piccola piccola, quasi inutile, ma la cosa più bella era non scoraggiarsi mai e sapere che in ogni virata o bordeggio fatti con loro potevo imparare qualcosa di più. Sono stati giorni intensissimi non solo in mare ma anche a terra, non si finiva mai di lavorare sulla barca, il che per me significava non finire mai di imparare! Un giorno di allenamento in mare abbiamo preso una tempesta ed è stata bella la sensazione di sicurezza che mi hanno dato sia Flavio saldo al timone che Tiziano (Tiziano Nava ndr.) seduto tranquillo ad aspettare che passasse come se niente fosse. Ti fanno sentire al sicuro, ma allo stesso tempo tesa e attenta a non fare nemmeno il più piccolo errore fatale.

D: Quale è stato per te il momento più difficile della settimana tedesca?
R: Tolto il dramma della pesa dei primi giorni, un momento davvero difficile in regata come a terra non c'è stato. L'unico che ci giocava contro era il tempo freddo ed umido che rischiava di farci perdere la concentrazione. Ci è più volte capitato d’uscire in mare ancora tutti umidicci dal giorno prima ed era terribile!

D: Quando tornerai ad indossare i panni della velista?
R: Ora sono a casa, tornata ai doveri universitari. Non so quando potrò di nuovo divertirmi in una regata ma spero sempre in quella chiamata inaspettata... capito Franco?

In attesa di una telefonata, di tornare in acqua per conquistare nuovi trofei o di cogliere nuovi boccioli il Lugano Yacht Club continua nella sua attività con la voglia di offrire agli appassionati di vela, giovani o meno giovani, la possibilità di ammirare eventi unici e di praticare questo stupendo sport con il sostegno e l’aiuto dei campioni europei.

11.06.2012
Campus estivi

02.06.2012
Estate al vento

23.02.2012
Una scuola di vela moderna di alto livello

31.10.2009
Melges 24 Worlds 2009, Blu Moon chiude al quinto posto

30.10.2009
Il giorno di Blu Moon

28.10.2009
Melges 24 Worlds 2009, giunti al giro di boa

27.10.2008
Melges 24 Worlds 2009, una giornata difficile

26.10.2009
Melges 24 Worlds 2009, chi ben comincia...

25.10.2009
Preparazione conclusa con le regate dei Pre-Worlds

23.10.2009
Stazzati e misurati, il BluMoon Sailing Team è pronto

22.10.2009
Ad Annapolis per i mondiali

20.09.2009
Coppa Lino Favini, a Blu Moon la sesta edizione

28.08.2009
Blu Moon sul podio europeo

27.08.2009
Luna crescente

26.08.2009
Blu Moon quarto dopo sette prove

25.08.2009
Emozioni contrastanti

24.08.2009
Prima giornata di regate, due prove in archivio

23.08.2009
Ultimi test per Blu Moon Sailing Team

18.08.2009
Il Blu Moon Sailing Team è a Hyeres

1.1.2009
Blu Moon Sailing Team, il migliore tra 400

23.03.2008
Blu Moon prima ma a fatica

15.03.2008
Il Lugano Yacht Club presenta due barche moderne dal futuro assicurato

14.03.2008
Terzetto d'assi allo stand del Lugano Yacht Club

09.03.2008
Il Lugano Yacht Club a LuganoNautica

04.03.2008
Blu Moon torna al successo

25.01.2008
Tre regate per un secondo posto

24.02.2008
Due regate, una vittoria.

23.01.2008
Niente vento: lunga giornata d'attesa.

22.01.2008
Partenza col botto!

21.01.2008
Falsa partenza!

07.01.2008
Premio al merito sportivo 2007

04.01.2008
2008: un anno ricco di regate!

05.12.2007
Lugano Yacht Club: regate ma non solo!

19.11.2007
Blu Moon in agrodolce

3.09.2007
Lavinia Stiz, il primo bocciolo...

27.08.2007
Un saluto a Ronald Pieper ed un abbraccio ai suoi cari

23.08.2007
Campioni europei Melges 24!

20.08.2007
Favini e Blu Moon comandano la classifica parziale

12.08.2007
Blu Moon: l'europeo è alle porte!

21.7.2007
Blu Moon: ritorno vincente!

15.07.2007
Blu Moon torna in acqua

23.6.2007
Per la vela d'alto livello chiedere al Lugano Yacht Club

22.6.2007
L'attesa prima dello spettacolo

20.6.2007
Conferenza stampa sul lungolago

20.6.2007
Grandi ospiti su grandi barche

18.6.2007
Le nostre conferenze stampa, le vostre domande

14.6.2007
Lugano accoglie i primi due RC44

29.5.2007
Grandi collaborazioni

3.5.2007
Grande sfida tra Russell Coutts e Paul Cayard

23.4.2007
Lugano, l'altro polo della vela

23.4.2007
Grande motivo d'orgoglio per il Lugano Yacht CLub, Flavio Favini inizia con il botto.

Gennaio 2006
Il Match Race Lugano piace anche a Russell Coutts!

Bollettino ufficiale
RC44 Lugano Yacht Club Cup

Nr 12 20-06-2007 (pdf)

Edizione 2006

Nr.  6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11

Edizione 2005

Nr.  1 | 2 | 3 | 4 | 5